LA LEGGENDA DEL CRISANTEMO

Nella nostra tradizione è il fiore dei morti, simbolo di dolore.

In Cina e Giappone viene addirittura regalato alle Spose, 

in Inghilterra in occasione delle nascite.

Nella cultura orientale ed anglosassone questo fiore è simbolo di 

gioia, vitalità e pace.

C'era una mamma tanto triste perché il suo unico figlio era morto in guerra.

Era molto povera: non aveva che la ricchezza delle preghiere.

Quelle, infatti, costano niente.

Era la vigilia del giorno in cui tutti i morti hanno un fiore sulla loro 

tomba e la povera mamma soffriva perché suo figlio non l'aveva 

avuto. Cercò....cercò... e in un cassettone trovò...

...delle strisce di stoffa bianche e gialle.

Le cucì una sull'altra, tante tante, fino a formare una grande corolla:

poi metterò uno stelo di ferro rivestito di tela verde.

Nessuno si accorgerà che, sulla tomba di mio figlio, non c'è un fiore 

vero...

Così fece.

Appena ebbe finito il lavoro, il sonno e la stanchezza la vinsero e si 

addormentò.

Al mattino, quando si svegliò, quasi non credeva ai propri occhi:

il fiore di stoffa palpitava gonfio di vita,


con cento e più linguette vellutate, screziate di bianco e di giallo.

Sulla tomba del soldatino, ci fu il fiore più bello: il crisantemo.
Comments