Vasco Rossi


Vasco!

Si dice che stia male, che stia veramente male perché è stato visto in più di una clinica fare analisi ed essere ricoverato.

Questo dice la stampa.

Io spero di no. Spero tanto che non stia male

Avevo 17 anni nel 1983, quando Vasco Rossi mi affascinò in maniera immediata al Festival di San Remo con la sua “Vita Spericolata”.

Mi sentivo “dentro” quella canzone, a quell'età c'è voglia di evasione, del nuovo.

Alcuni lo hanno definito un cantante stupido

Da altri è stato accusato di incitare i giovani ed i propri figli alla droga e all'alcool.

Se si sia drogato o che sia stato alcolizzato, non lo so. Per me è una persona, per me è un cantante, per me, ribadisco, è un poeta.

Io avevo poster, magliette, spille ecc... e non mi perdevo in concerto e non ho mai fatto uso di droghe né abuso di alcool. Ora ho 44 anni e lo ascolto volentieri ma le magliette non m stanno più e non ho tanta energia da sguirlo ai suoi concerti.

Per me è sempre stato e sarà un poeta che con semplici parole tocca il cuore di tutti, di tutte le età.

Io penso che lui scrive canzoni per quello che ha dentro, canzoni dove c'è sempre amore accanto a una sorta d'ironia e a volte sarcasmo o rabbia. Ma le sue canzoni terminano sempre con un “Va bene, va bene così...” con una sorta di rassegnazione e accettazione

Adesso i temi delle sue canzoni sono più “maturi” più seri come, del resto, maturo e serio è diventato lui.

Spero tanto che non abbia il male che tutti credono o che comunque si curi e che viva più a lungo possibile.

E, per quanto riguarda le opinioni negative su Vasco, posso solo dire di accettarle come qualsiasi opinione diversa dalla mia anche se... anche se non le condivido.

Ciao Vasco, a presto!

Video di YouTube



Luana Mataloni
Comments