san Michele di Lucca


Per visionare meglio queste foto, vai direttamente a Picasa e regola il tempo.
Pour mieux visualiser ces photos, allez directement sur Picasa et réglez le temps.

La Chiesa di San Michele è situata sull'area dell'antico Foro Romano, ed è stata in ogni tempo il centro della città, luogo di incontri e di scambi commerciali. Addirittura nel periodo comunale, fino al 1370, vi si riuniva il Consiglio Maggiore, massimo organo legislativo di Lucca. 
Menzionata per la prima volta nel 795 con la denominazione ad foro, la chiesa attuale è stata costruita a partire dal 1070 per volere di papa Alessandro II. I lavori si sono protratti in epoche successive ed hanno caratterizzato un'opera architettonica con stili diversi fra loro. 

La chiesa ha tre navate, transetto ed abside semicircolare; sul transetto meridionale dell'edificio si innalza il campanile costruito a partire dal XII secolo. 
L'esterno della chiesa è caratterizzato da un'altissima facciata che emerge isolata sopra il tetto ed è ricca di sculture e di intarsi, molti dei quali vennero rifatti nel XIX secolo. Spicca la statua dell'arcangelo San Michele, che è collocata nella parte più alta della chiesa e raggiunge i 4 metri di altezza. Per renderla stabile di fronte alle folate di vento venne impiegata una grande quantità di materiale ferroso. La leggenda vuole che nell'anello posto al dito dell'angelo sia incastonato un diamante di enormi dimensioni e di sera, da un preciso punto della piazza, è possibile scorgerne il luccichio.
L'église se trouve dans le coeur du centre-ville de Lucques. Sa construction remonte à l’an 1070, sur commande du Pape Alexandre II. Les travaux pour la construction de l’église se sont déroulés sur une longue période, ce qui a engendré le mélange de plusieurs styles différents.
L’église St Michel se compose de trois nefs et d’un campanile dressé à l’extèrieur de l’édifice. Le dernier étage du campanile aurait été démoli entre 1364 et 1368 par ordre de Giovanni dell’Agnello (doge de Pise) car le son des cloches était audible jusqu’à Pise.
Comments