Servizi‎ > ‎Geofisica‎ > ‎

Sismica

Le indagini sismiche permettono di evidenziare stratificazioni con diverse caratteristiche geolitologiche sfruttando le differenti velocità delle onde sismiche indotte. Con tali metodologie si possono facilmente dedurre in maniera indiretta le potenze dei vari strati.

Metodologie utilizzate:

  • Tecniche invasive:
    • Prova Cross Hole: consente di determinare i profili di velocità delle onde di volume in un deposito di terreno attraverso la misurazione dei tempi di percorrenza di tali onde lungo percorsi suborizzontali compresi tra due o più fori di sondaggio.
    • Prova Down Hole: finalizzata alla determinazione dei profili di velocità di onde S e P in depositi di terreno; richiede tuttavia la perforazione di un solo foro di sondaggio all'interno del quale sono alloggiati  i ricevitori in posizione variabile con la profondità.
    • Tomografia sismica: è la ricostruzione di oggetti bi o tridimensionali ottenuta a partire da un numero definito di proiezioni unidimensionali e variamente orientate di questi oggetti; vengono eseguite un numero rilevante di misurazioni dei tempi di percorrenza delle onde sismiche, ciascuna relativa a diverse combinazioni della posizione sorgente - ricevitore.

  • Tecniche non invasive:
    • Sismica a riflessione: molto utilizzata per la ricerca di georisorse fluide a grande profondità ma anche utilizzata per risolvere problemi ingegneristici a scala più ridotta.
    • Metodo delle onde superficiali (SASW): si tratta di indagini basate sulle proprietà dispersive delle Onde di Rayleigh; in tale contesto gli elementi che giocano un ruolo determinante sono il modello che viene utilizzato per simulare la risposta del terreno ad una sollecitazione dinamica e il metodo utilizzato per ricavare la curva di dispersione sperimentale.
    • Sismica a rifrazione: molto diffusa grazie alla rapidità in fase di acquisizione e alla globale economicità della tecnica se confrontata alle altre; i parametri raccolti sono legati alle posizioni dei punti di energizzazione e di misura, nonché ai tempi relativi ai percorsi delle onde dirette e rifratte.

Campi di Applicazione
  • Ingegneria delle risorse: ricerca di giacimenti minerari e di materiali di cava;
  • Geologia strutturale: studio del basamento cristallino e delle formazioni di copertura;
  • Geologia applicata: studio della stratigrafia delle formazioni, dei fenomeni tettonici e delle frane;
  • Idrogeologia: ricerca e studio degli acquiferi;
  • Geotecnica: caratterizzazione strutturale di terreni e rocce.

Attrezzature utilizzate
  • Sismografo modello A3000S specifico per sismica a rifrazione e riflessione: alimentazione con alimentatore Switching 12 V 2Ah, Display LCD 6,4'' Tft a colori, touch screen, presa per stendimento 16 canali (più possibilità di inserire canali aggiuntivi), presa geofono trigger, 2048 campioni per canale, Campionamento 250, 1000, 2000, 5000, su 8 canali 10.000 c/s, Guadagno 90dB, Sommatoria a software.
  • Accessori: geofoni orizzontali e verticali, Energizzatore sismico (cartuccia calibro 12, polvere nera fino a 6 grammi, innesco elettrico), Mazza e Piastra in alluminio, Terna da foro a 3 componenti con sistema di bloccaggio (freq. 4,5 - 10 - 14 Hz).