Museo Didattico Dantesco

Puoi leggere o scaricare la guida al Museo cliccando qui

Il video "IL CENTRO DANTESCO DEI FRATI MINORI CONVENTUALI

DI RAVENNA" è visibile da qui

Le foto di Giuseppe Pelleri illustrano l'intero percorso, vedi qui

Nel 2011, dopo il restauro dei locali e dei chiostri, attuato grazie alla collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, il Museo Centro Dantesco ha riaperto offrendo ai visitatori anche un’ampia Sezione didattica.

È un percorso che si snoda lungo i tre spazi sovrastanti gli antichi chiostri francescani, adiacenti alla tomba di Dante, accompagnando i visitatori in un ideale viaggio alla scoperta della Divina Commedia, attraverso le tre cantiche, con l’ausilio di immagini e mezzi multimediali.

Nella sua rinnovata veste si propone, quindi, come Polo Didattico Dantesco, offrendo ai turisti, ai residenti e alle scuole di ogni ordine e grado l’occasione di visitare la “zona dantesca”, incontrando non solo i resti mortali del grande esule, ma anche il suo intramontabile messaggio, essendo Dante il poeta più contemporaneo che esista, come ebbe a scrivere il poeta Mario Luzi ai giovani partecipanti al primo Convegno Dante in rete ( Ravenna, aprile 2004).

Visite guidate

È possibile richiedere visite guidate gratuite al Museo Centro Dantesco - Sezione Didattica e ai luoghi danteschi ( tomba di Dante, Basilica di S.Francesco, Quadrarco di Braccioforte, cosiddetta casa di Francesca da Polenta (da Rimini), ex Convento di S.Stefano degli Ulivi, Basilica di S.Maria in Porto), basiliche e monumenti con mosaici e affreschi in vario modo collegabili alla Divina Commedia o alla presenza di Dante a Ravenna, mediante il nostro indirizzo: danteinrete@libero.it

Museo Centro Dantesco

un percorso fra innovazione e tradizione

Il Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali, nasce alla vigilia del VII centenario (1265-1965) della nascita di Dante Alighieri da un’idea di padre Severino Ragazzini: Accanto alla tomba di Dante, che mette a contatto con Dante morto, volevo creare un Centro Dantesco che mettesse a contatto con Dante vivo [… ]. Così il Centro Dantesco avrebbe dato voce a un sepolcro.

Il Centro è costituito dalla Biblioteca, riconosciuta di “eccezionale interesse” dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (1981), e dal Museo.

Nel 2011, dopo il restauro degli antichi Chiostri attuato per iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, il Museo ha riaperto offrendo ai visitatori una nuova impostazione: un percorso fra innovazione e tradizione.

L’ala iniziale e quella finale sono dedicate alla «tradizione», con l’intento di proporre alcuni pezzi di valore: copie di codici danteschi, ritratti dell’Alighieri risalenti al XVI secolo, un certo numero delle migliaia di opere realizzate da artisti di tutte le nazionalità, a testimonianza dell’interesse mondiale per il Sommo Poeta, manifesti originali legati alla ricorrenza del VI centenario della nascita di Dante e al casuale ritrovamento delle sue ossa, fino ad alcune decine delle duemila cartoline a soggetto dantesco conservate dal Centro.

L’ala centrale è, invece, interamente dedicata all’«innovazione», ovvero ai giovani, alla sezione didattica.

POLO DIDATTICO DANTESCO nazionale.

Il prestigioso complesso dei Chiostri Francescani costituisce, per la sua naturale collocazione, un indiscusso punto di riferimento, a livello nazionale, per tutti coloro che operano nel mondo della scuola.

Il fatto che una scolaresca abbia l’opportunità di recarsi in viaggio d’istruzione a Ravenna e di non ridurre la visita alla “zona del silenzio” ad un semplice momento di svago o di noia distratta, ma sia l’occasione per imparare in maniera originale e viva, non è affare da poco.

È, infatti, un percorso altamente qualificato e affascinante quello che attende gli studenti.

1. I Chiostri Francescani: se ne può ammirare la bellezza architettonica e scoprirne l’inevitabile richiamo ad alcune pagine fondamentali per la storia della nostra Città.

2. La sala multimediale dell’Opera di Dante, coinvolgente e modernissima.


3. La sala espositiva riservata alle mostre di alto spessore culturale organizzate periodicamente dalla Fondazione Cassa di Risparmio; vi si accede da una rampa di scale sormontate da un grande mosaico moderno.

4. La grande Biblioteca del Centro Dantesco, una vera miniera per gli specialisti e gli studiosi ma fruibile anche da studenti e principianti.

5. Il Museo del Centro Dantesco con un percorso fra tradizione ed innovazione che offre ai giovani e agli appassionati, prendendo spunto dall’esperienza decennale dei Progetti didattici “Dante in rete”, una sezione didattica ideata e proposta:

  • come luogo dove è possibile “vedere” l’itinerario della Commedia e, in qualche modo, esserne partecipi, ripercorrendo idealmente il viaggio descritto nelle tre cantiche;
  • come punto di incontro e confronto fra le classi delle varie scuole coinvolte nello studio dell’opera del Sommo Poeta;
  • come spazio nel quale i giovani possano presentare i loro lavori (mostre, dvd, filmati, ecc.) ed osservare le produzioni dei coetanei di altre città. A tal proposito sono già attive cinque postazioni video che trasmettono/proiettano alcuni dei numerosi lavori realizzati negli ultimi anni da studenti e docenti di varie scuole cittadine e italiane, coinvolti nei progetti “Dante in rete”.

In prossimità della possibile scelta di Ravenna a Capitale Europea della Cultura 2019 e in vista del VII Centenario Dantesco, la visibilità, in un luogo così prestigioso, di un Polo Didattico Dantesco di respiro nazionale è certamente un contributo non indifferente ai due eventi sopra citati, ma anche e soprattutto un concreto aiuto e stimolo offerto alle giovani generazioni che saranno, di fatto, le vere protagoniste sia di un’eventuale Ravenna nuovamente “capitale” sia dell’ormai prossimo VII centenario del 2021.

E' presente sul WEB il Video tratto dal DVD:

IL CENTRO DANTESCO

DEI FRATI MINORI

CONVENTUALI

DI RAVENNA

E' un percorso all'interno del Centro dei Frati Minori Conventuali.

La biblioteca, il museo e il Polo didattico come luoghi essenziali nell'incontro fra innovazione e tradizione nel nome del Sommo Poeta.

Realizzazione DVD : Ruggero Cornacchia,

Testi: Manuela Mambelli.

Lettori: Stefania Carsetti, Ruggero Cornacchia

Progetto a cura di Dante in rete

Per il video clicca qui