I temi rilevanti‎ > ‎

2020/03 La modifica al MES nell'emergenza coronavirus

Rifiutiamo le modifiche al MES!


Si continua a rincorrere l'emergenza coronavirus da settimane.

Non è ancora pervenuto un atto di dignità di fronte all'Unione Europea, il garantire un sostegno “a qualsiasi costo” al paese, a chi è già rimasto senza stipendio, al popolo delle partite iva, agli imprenditori, a chi è più vulnerabile anche economicamente in questo momento.
Invece è necessario il permesso dell'UE per un minimo sforamento a quelle regole di austerity che, tra l'altro, hanno costretto per decenni a tagliare il Servizio Sanitario Nazionale.

Inoltre:

a) nonostante la situazione, addirittura si anticipa di un mese la riunione dell'Eurogruppo (ministri economici dei vari Paesi) che deve approvare "politicamente" le modifiche al MES, sulle quali non risulta che l'Italia abbia ottenuto quanto richiesto dal Parlamento.

b) a riprova delle priorità di questa istituzione, l'ordine del giorno della riunione mette all'ultimo punto i problemi economici derivati dal coronavirus. Cioè, prima mettiamo il cappio al collo dei Paesi in difficoltà, poi (se resta tempo) preoccupiamoci dei cittadini.

Quale sarebbe l'atteggiamento da tenere? Rifiutarsi di approvare.
Quale sarà l'atteggiamento adottato? Lo sapremo molto presto...







La bozza dell'ordine del giorno dell'Eurogruppo